SPEDIZIONE GRATIS DA € 150.00
Carrello 0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

COME AFFILARE UN COLTELLO ?

20/05/2022


COME AFFILARE UN COLTELLO ? 


In questo articolo di Blog vorremmo spiegarvi come affilare un coltello, con le moltissime tipologie e di utensili, utilissimi per avere un perfetto risultato con pochissimi semplici passaggi.
Un coltello affilato è oggetto insostituibile, una vera garanzia che si stiamo svolgendo qualunque attività, che ci occorra in cucina che per la caccia, è veramente indispensabile, aimè dopo una continua sollecitazione anche la lama più affilata rischierebbe di ritrovarsi smussata con potere di taglio molto inferiore rispetto al normale.

Con questa pratica e mirata guida andremo a risolvere il problema ed andremo ad eliminare il punto, andando a ricreare un perfetto angolo di taglio, rigenerando la lama. 

Anche il miglior coltello perderà lentamente la sua affilatura nel tempo, se lo utilizzerete con un uso regolare e lavorare con un lama smussata ve lo assicuriamo non è solo attività noiosa, è anche molto pericolosa.
Potremo andare in contro a diverse causa, tra cui se andremo a premere con troppa energia sul taglio e non avremo un giusto filo lama, andremo a scivolare e perdere il controllo di esso con magari procurarci qualche brutta ferita sulla mano.

 

AFFILA COLTELLI A MANO A CASA COME PROFESSIONISTI




 

Come capire se un coltello non taglia bene, semplicissimo vi suggeriamo di fare questa semplice prova; la prova del pomodoro.
A questo punto procuratevi un tagliere adagiamo sopra il pomodoro, ed impugneremo il coltello dalla parte del manico e andiamo porgere senza esercitare nessuna pressione la parte tagliente sull'ortaggio, se scivolerà all'interno senza nessuna fatica è abbasta affilata.



Come si affila una lama di un coltello e quali metodi ?

Ci sono moltissimi metodi e tecniche che si possano utilizzare a seconda del tipo di coltello che siamo in possesso;


Come si affila un coltello Giapponese 

Sono coltelli di grande qualità soprattutto anno un taglio preciso e regolare con grande potere di taglio, molto stimati per la loro caratteristiche e qualità, sono coltelli molto apprezzati per la cucina indispensabili e graditi da moltissimi chef professionisti.
Anno un forma molto particolare e unica della lama realizzata a V con un angolo di taglio acuto di ben di 15 gradi, con la possibilità di essere affilata tramite delle pietre.


Come si affilare un coltello Europeo 

Sono i più comuni e semplici e robusti, in confronto alla versione Giapponese però molto meno affilati, solitamente anno un angolo rettificato su entrambi i lati di 20 gradi, di conseguenza i coltelli europei sono meno sensibili con meno bisogno di cura
Per affilare un coltello come un rasoio e avere un'ottimo risultato avremo bisogno di: acciaino mola o pietra.



Come affilare un coltello con l'acciarino?




Metodo semplice e pratico di grande semplicità il suo utilizzo, garantendo la funzionalità del coltello immediatamente, ma a lungo termine ciò non sostituisce un'affilatura di base della lama.
Un metodo non utilizzato molto dai professionisti come alternativa a tenere la lama ben tagliente durante l'uso quotidiano e non vi garantirà di riportare in vita il coltello allora senza taglio.

Come usare l'acciarino; la lama del coltello viene affilata in unico procedimento, afferriamo energicamente con la mano non dominante il nostro affilatore e lo posizioneremo con una giusta angolazione,
A  questo punto andremo a prendere il nostro coltello, ricordiamoci sempre di porre molta attenzione e mantenere la punta lontano dal corpo in alto.
Prendiamo il nostro coltello lo afferriamo saldamente, il pollice spostato in avanti per avere più controllo e le altre 4 sul manico, manteniamo il tutto con un'inclinazione circa di 20 gradi all'affilatore.
Non pretendiamo che siate precisi ma occorre che mantenete per tutto il tempo dell'affilatura la stessa posizione, altrimenti non andremo a lisciare la lama uniformemente, neanche se sceglieremo un angolo più vasto.
Andremo a sfregare la lama del coltello sulla metà dell'affilatore, facendo mantenere costante ed uniforme un'angolazione di 20 gradi.
Per apprendere e dominare l'operazione del movimento specifico bisogna far scivolare sull'acciarino dalla punta su tutta la lunghezza della lama, e per un movimento corretto bisognerebbe far oscillare tutto il braccio e il polso per la mano.
Il polso a la parte più funzione e fondamentale, se mosso in malo modo ed inappropriato non riusciremo a avere il giusto movimento sull'acciarino, non facendo scivolare la lama perfettamente per tutta la sua estensione.
Andremo a procedere con lo stesso funzione per entrambi gli angoli della lama del coltello per 7 8 sfregamenti per avere un'eccellente risultato.


 





Come affilare un coltello con la pietra ?




Per avere un perfetto risultato occorre scegliere la grana a seconda dell'usura per affilare la lama del coltello.
Chiunque sia seriamente intenzionato ad affilare bisogna come primo passaggio riflettere e ricordarsi la primo angolo di inclinazione in cui era stato affilato il coltello, se non fossi cosi si andrebbe in contro a direzione totalmente più dispersiva di tempo e di lavorazione più passaggi prima che venga riaffilato correttamente.

 

  • Se non conosciamo l'angolo per affilare il coltello, chiedi informazioni dove lai acquistato, oppure consulta un professionista del settore.
  • A nostro parere se occorre prendere una decisione diretta, prendiamo in considerazione un'angolo di 10 e i 30 gradi per ciascun lato del lama del coltello.
  • Sottolineiamo al pubblico che un'angolazione minore della lama, favorisce un'usura maggiore nel tempo, perdendo il filo lama più velocemente.
  • Al contrario di quelle di maggior angolazione avremo un maggior durevolezza nel tempo con un angolo di all'incirca di 16 e e 20°
       

Le pietra cote per affilare si differenziano per grana e densità e vanno scelte in base al grado di usura del coltello:

  • per affilare lame molto smussate o danneggiate: grana da 200 a 400
  • per affilatura con usura normale: grana da 800 a 1000
  • per levigatura fine: grana da 3000
  • per la lucidatura: grana da 6000
 

Nota : Quando si tratta di pietre per affilare, viene fatta una distinzione tra pietre d'acqua e pietre d'olio. Come suggerisce il nome, sono lubrificati con acqua o olio. Il liquido forma una pellicola sulla superficie e impedisce alle particelle di rimanere incastrati al suo interno.

 

Macinazione delicata attraverso l'acqua

Come primo passaggio lubrifichiamo la pietra con una macinazione delicata attraverso l'acqua Le pietre per affilare più comuni sono le pietre d'acqua e devono essere bagnate. Per fare questo, le pietre per affilare vengono poste a bagnomaria. Dopo circa 15 minuti, quando non sorgono più bolle d'aria, sono pronti per l'uso. La pietra deve anche essere mantenuta sempre umida durante la macinazione. Perché solo allora si può formare il necessario fango di macinazione, che affila le lame in modo delicato ma molto intenso.


Macinazione attraverso l'olio minerale 


Come prima passaggio andremo a immergere un panno morbido e massaggiamo delicatamente la nostra pietra, meglio se vi procurate un buon olio fine specifico per l'affilatura, essendo più leggero e delicato consente anche la prevenzione contro la porosità della pietra che e danneggi lo scarto dell'acciaio.

A questo punto preciso prima iniziare il lavoro, leggiamo con attenzione se non siamo dei professionisti, le istruzioni di solito incluse nella confezione.
Dove trarremo agevolazioni e informazioni utili, occorre conoscere e sapere che ogni singolo lato della pietra avrà una grana più ruvida e più aggressiva, utilizzata per arrotare l'acciaio mentre l'altra, più fine e delicato serve per affilare il coltello 

In questo momento andremo, grazie all'aiuto della nostra pietra naturale ad affilare il coltello, come primo passaggio se non siamo grandissimi esperti andremo ai aiutarci tramite un semplice guida
( piccolo utensile che serve per facilitare l'affilatura del coltello, andando a porlo sotto la lama, aiutandoci a mantenere un corretto angolo di inclinazione ).
Questo processo è uno dei più complessi, vi consigliamo per aiutarvi di fare un piccolo segno sulla lama del coltello, porgendo un'occhio di riguardo se il segno viene cancellato.

Per eseguire una corretta affilatura sulla lame simmetriche, bisogna fare l'opposto, ovvero bisogna far fluire la lama sulla pietra in direzione contraria, a quella che si userebbe normalmente per tagliare.

Con persistenza continueremo in questo modo finche la molatura non raggiungerà circa la metà dell'acciaio, dopo di che prendiamo il lato opposto della lama e  cercheremo di creare un nuovo bordo.
Per capire se abbiamo eseguito un perfetto lavoro e rimosso a sufficienza il metallo, occorre far passare con attenzione prudenza le dita a sfiorare con la lama dall'altro verso il basso, il risultato sarebbe aver prodotto una specie di bava, impercettibile ad occhio nudo.

Impugniamo nuovamente la pietra e la gireremo rivolgendo la facciata meno ruvida, per lisciare il coltello ed togliere la bava, andremo a procedere con la solita operazione di smussatura in entrambi i lati del coltello per creare un bordo omogeneo e affilato.

Come ultimo passaggio, andremo a approcciarci direttamente sulla parte della pietra cote più fine e praticheremo dei semplici movimenti rapidi e diretti uguali per entrambi i lati.
Questa operazione vi suggeriamo di eseguila diverse volte per avere un fantastico risultato.



 




Come affilare un coltello con la mola ?



 

Quando si tratta di affilare un coltello con la mola da banco, è necessario distinguere e far chiarezza tra due importanti differenze.
 

  1. La rettificatrice a secco 
  2. La rettificatrice ad acqua 

 

Affila coltelli a secco con la smerigliatrice da banco
 

Fondamentalmente è molto difficile arrotare un coltello con questo procedimento a causa dell'alta velocità che esercita la mola a secco, durante la rettifica si verifica molto attrito, che viene dissipato sotto forma di energia termica. Il metallo molto della lama molto ben conduttivo può surriscaldarsi e bruciarsi molto rapidamente.

Se la lama del coltello è già blu, è già troppo tardi questo processo è come la sinterizzazione, indesiderata e incontrollata.
La lega metallica diventa dura e fragile, di conseguenza, un coltello che è stato appena affilato se la sua lama si è surriscaldata in fase di affilatura rapidamente perderà il filo lama, rendendo lo stesso inservibile.
 Pertanto, ci dedichiamo di seguito sull'affilatura di un coltello  avvalendoci di una smerigliatrice da banco ad acqua più performante e semplice.



Affila coltelli con la smerigliatrice ad acqua 

Un sistema efficace e molto funzionale, un strumento con un sistema di raffreddamento ad acqua con innumerevoli vantaggi.
Ha un sistema innovativo ed rivoluzionario che permette di lavorare anche a basse velocità, prevenendo il surriscaldamento della lama che vorremmo affilare, facendo si che mantenga tutte le sue caratteristiche impedendo che stemperi.
L'acqua a innumerevoli funzioni e qualità, tra cui consente una fantastica pulizia della superficie della mola vi consentirà di lavorare sempre, in perfetta pulizia togliendo residui di sporco e il surriscaldamento.

Un altro interessante beneficio è che, durante la lavorazione non produce nessuna scintilla, permettendo alla macchina di lavorare alla perfezione.

Consigliamo al pubblico per garantire un perfetto risultato occorre dopo l'affilatura della lama, bisognerebbe rifinire il tutto tramite un disco di cuoio, per avere una brillante lucidatura e togliere eventuali sbaffature.

Per affilare il coltello, è possibile acquistare strumenti aggiuntivi per l'affilatrice a umido o anche inclusi nella fornitura stessa quando la acquistiamo.
Questo è un supporto in cui il coltello non può essere bloccato solo trasversalmente serve per fare da guida al pezzo verso la mola a umido con un angolo impostato con precisione tramite una scala.

Per fare questo, però, devi prima determinare l'angolo della fibra del filo del coltello, la lama è smussata sul tagliente.
Tipicamente, lo smusso corre da ciascun lato della lama ad un angolo definito rispetto al centro, dove poi "si interseca" con lo smusso sul lato opposto.
Questo angolo deve essere ripristinato almeno allo stesso angolo su entrambi i lati. Ma ancora meglio nell'angolo di smusso effettivo che il tagliente aveva dalla fabbrica. Avrai bisogno di un misuratore di angolo per determinare questo angolo.

Se possibile, oltre all'angolo di affilatura viene ora impostata anche la velocità della mola. Quindi il tagliente viene rettificato su ciascun lato fino a quando entrambi gli smussi si incontrano di nuovo nel mezzo. Tuttavia, l'utilizzo di una tale rettificatrice a umido ha senso solo se si affilano davvero molti coltelli o altri strumenti
 




Consigli sulla manutenzione dell’affilatrice ad acqua


Si consiglia per una perfetta pulizia della macchina, che dopo ogni tipo di lavorazione è opportuno cambiare l'acqua posta nella vaschetta, e pulire scrupolosamente la macchina con cencio con un panno asciutto non umido.
Occorre sempre controllare la pulizia dei nostri strumenti che siano sempre ben puliti, contro la prevenzione dello sporco residui sii a contatto sulle lame.

Una raccomandazione: quando si utilizza questi tipo di macchinario manteniamo sempre un giusto atteggiamento e cautela, occorre indossare magari degli occhiali per proteggere gli occhi, da schegge o da parti di sporco, evitare vestiti larghi larghi o slacciati bracciali o collane, tutti quegli accessori che si possano letteralmente impigliarsi nel macchinario.



Puoi davvero affilare un coltello con un piatto o una tazza?

Se non avete nulla per affilare vi consigliamo un trucco da vero infallibile 
 

  • Provatelo

Se non hai nessuno degli abrasivi menzionati, puoi usare il punto ruvido sul lato inferiore di un piatto di ceramica o di una tazza. Se affili il coltello con esso, non sarà affilato come con la pietra per affilare, ma puoi almeno continuare a cucinare con esso.



 



I coltelli portano la firma dei loro proprietari

Il consiglio dell'esperto: un coltello si comporta come una penna stilografica: si adatta al comportamento di chi lo usa nel tempo e può essere affilato in base alle esigenze individuali.